Premio Carlo Monti: i vincitori della quarta edizione

10 Ottobre 2021

A Milano assegnati i riconoscimenti per la quarta edizione del concorso giornalistico, dedicato al velocista azzurro e poi prestigiosa firma sportiva

 

Il Mi-Teen in Arena per le categorie ragazzi e cadetti all’Arena di Milano è stato il contesto gioioso e suggestivo per la celebrazione dei vincitori della quarta edizione del Premio Giornalistico nazionale Carlo Monti, intitolato al velocista azzurro (bronzo olimpico della 4x100 ed europeo dei 100 nell’immediato dopoguerra) poi apprezzata firma del Corriere dello Sport e de La Notte. Articoli e servizi giornalistici premiati hanno un tema comune: l’atletica al tempo del Covid e il “viaggio” verso le Olimpiadi di Tokyo 2021.

I VINCITORI - Tre le sezioni previste. Nella sezione “Carta stampata” il riconoscimento va ad Alberto Dolfin, apprezzata firma del paralimpismo del Corriere dello Sport Stadio, premiato per aver descritto con sensibilità il percorso che, attraverso la pandemia, ha condotto la campionessa azzurra Martina Caironi alle Paralimpiadi di Tokyo, dal punto di vista umano e sportivo. In un periodo, il 2020, in cui il mondo era in stasi, compreso quello dell’atletica, Silvio Lorenzi per Radio 24 ha saputo cogliere l’occasione per raccontare le sensazioni e gli stati d’animo degli atleti di fronte a un’Olimpiade che si allontanava verso il 2021: a lui è andato il Premio Monti per la sezione “Audio/video”. Nella sezione “Web” successo per Mauro Pigozzo, firma di Corriere.it, la testata online del Corriere della Sera: nell’intervista all’ultratrailer Yulia Baykova, ha raccontato come l’atleta abbia affrontato l’isolamento dettato dal Covid scalando tutti i giorni una montagna immaginaria, per allenarsi, grazie a uno scalino di 60 centimetri, affrontando le difficoltà un passo alla volta.

PREMI BARBIERI E GIOVANNINI - Cesare Barbieri, firma di Voglia di Atletica, la rivista del Comitato Regionale FIDAL Lombardia, ma anche voce di Sky Sport e Mediaset, è scomparso il 18 maggio 2020 a soli 55 anni. Per ricordarlo è stato assegnato un premio al miglior servizio realizzato da un giornalista under 30 e a vincerlo (con la targa consegnata dal figlio di Cesare, Thomas) due firme de La Sestina, la testata web della Scuola di Giornalismo Walter Tobagi dell’Università Statale di Milano: Bernardo Cianfrocca ed Elisa Cornegliani sono stati premiati per il dettagliato racconto, umano e atletico, della triatleta Anna Maria Mazzetti, di cui hanno saputo descrivere l’equilibrio nell’affrontare i limiti dovuti alla pandemia e la passione sportiva che l’ha proiettata verso i Giochi. Alessio Giovannini è scomparso a soli 40 anni il 16 gennaio 2019: era un punto di riferimento dell’Ufficio stampa FIDAL nazionale ma anche una figura di grandissima competenza in materia di comunicazione (in particolare social network e nuovi media). Per la seconda edizione consecutiva il Premio Monti ha proposto anche un riconoscimento per Alessio, conquistato da Lamberto Rinaldi, firma de Il Nuovo Magazine, con il racconto del lungo viaggio contro il vento di Neka Crippa, tra le difficoltà e i sentimenti di chi arriva da lontano ma corre veloce e ha l’Italia nel cuore. La premiazione è stata condotta dal presidente FIDAL Lombardia Gianni Mauri con la partecipazione tra gli altri del vicepresidente di BCC Milano Giovanni Maggioni (affiancato dal responsabile marketing Andrea Mandelli e dal responsabile comunicazione Alberto Pettinelli), dal consigliere federale Gianfranco Lucchi, dal vicepresidente del Comitato regionale Luca Barzaghi e dal presidente FIDAL Milano Paolo Galimberti, oltre che dal coordinatore editoriale di Voglia di Atletica, Michele Di Cesare. “Siamo molto felici di proseguire questa tradizione e di dare visibilità alle storie di atletica e di sport più belle nel nome di tre grandi giornalisti, con un grazie speciale a BCC Milano sempre al fianco dell’atletica lombarda”, il pensiero del presidente Mauri.

IL PREMIO - Il premio è stato indetto dall’ASD All Sport, con il patrocinio del Comitato Lombardo della FIDAL e dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti: nella giuria Guido D’Ubaldo in rappresentanza del CNOG (Consiglio Nazionale Ordine dei Giornalisti), Gianni Mauri (presidente FIDAL Lombardia), Fabio Monti (giornalista, figlio di Carlo Monti), Franco Bragagna (giornalista Rai), Aurelio Biassoni (giornalista Consiglio Regionale Lombardia) e Michele Di Cesare (giornalista e presidente ASD All Sport).

Cesare Rizzi (FIDAL Lombardia)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate